TeenCarTo


Scopri di più

COS'È TEENCARTO?

Quali sono gli spazi pubblici che la città dedica agli adolescenti?

Quali luoghi rispondono ai loro interessi e in che modalità il territorio riesce a modellarsi tenendo conto dei loro bisogni, dei loro desideri e, perché no, dei loro sogni?

Sono questi alcuni dei quesiti fondamentali a cui il Piano Adolescenti intende rispondere attraverso il progetto “TeenCarTo”, una mappatura partecipata tramite la piattaforma FirstLife da parte dei ragazzi e delle ragazze delle scuole Torinesi.

La mappatura è stata orientata a evidenziare tutti i luoghi vissuti dagli adolescenti nella loro vita quotidiana, i luoghi dove sviluppano le loro reti di relazioni a livello formale e informale, partecipano attivamente ad iniziative di comunità o in cui vogliono segnalare delle questioni locali su cui considerano prioritario intervenire in futuro. Alcuni degli elementi che sono stati mappati sono stati, ad esempio, spazi aggregativi, luoghi di protagonismo giovanile, luoghi di incontro e di ritrovo, gruppi musicali e artistici, associazionismo giovanile, laboratori artigiani, giardinaggio di comunità e azioni ambientali, GAS, laboratori FabLab, etc.

La mappatura delle risorse, attività e criticità del territorio è stata effettuata tramite FirstLife, ma con il supporto formativo dei tutor del Dipartimento di Culture Politica e Società.
Il progetto TeenCarTo è promosso dall’Assessorato all’Istruzione e alle Politiche Educative del Comune di Torino, nell’ambito del Piano Adolescenti.

PARTECIPANTI


Il progetto è rivolto alle classi di studenti e studentesse delle scuole secondarie di primo e secondo grado compresi tra i 14 e i 18 anni di età presenti sul territorio Torinese. Sono state coinvolte 36 classi per un totale di 600 ragazzi delle seguenti scuole:

• I.T. Russell –Moro

• I.I.S G. Peano

• Liceo Scientifico e Linguistico Giordano Bruno

• Istituto Professionale Birago

• I.I.S L. Lagrange

• Liceo Domenico Berti

• Industria E Artigianato G. Plana I.P.

• Liceo Scientifico e Linguistico Statale Copernico

• I.IS C.I Giulio

• Liceo Scientifico P. Gobetti

• I.T. Industriale A. Avogadro

• Istituto di Istruzione Superiore Valentino Bosso – Augusto Monti

• I.I.S Quintino Sella

• Convitto Nazionale Umberto I Scuola Secondaria Di Primo Grado

• Engim Sede Artigianelli

• Liceo Maria Ausiliatrice

• Liceo Statale Regina Margherita

Attività


Fase 1

In fase iniziale, tra marzo e settembre 2015, è stato definito il coinvolgimento dell’Università, delle scuole di Torino e delle associazioni. La mappatura della città da parte degli adolescenti si è svolta da ottobre 2015 a febbraio 2016, con una presentazione dei risultati dell’iniziativa a marzo 2016. Il Dipartimento di Informatica e il Dipartimento Culture Politiche e Società dell'università degli studi di Torino hanno definito le metodologie per la raccolta dei dati e la formazione dei gruppi di lavoro nei 23 borghi della città. Il gruppo di ricerca Social Computing del dipartimento di informatica ha creato una verticalizzazione ad hoc di Firstlife per fornire uno strumento che rispondesse al meglio alle esigenze specifiche del progetto, rispettando e tutelando le necessità e le propensioni della fascia d’età che avrebbe utilizzato la piattaforma. Il gruppo di ricerca di geografia del Dipartimento Culture Politica e Società ha preso contatti con gli istituti scolastici di diversa natura: istituti professionali, licei, enti di formazione sparsi su tutto il territorio cittadino.

Fase 2

Il Dipartimento Culture Politica e Società, in costante collegamento con il Dipartimento di Informatica per il supporto e lo sviluppo tecnico, ha organizzato un percorso di tre laboratori teorico-pratici ad opera dei borsisti del progetto.

Laboratorio 1

Temi: percezione e rappresentazione dello spazio urbano, principi e potenzialità socio-culturali delle mappature partecipative, implicazioni dell’utilizzo di sistemi geo riferiti nel web e nei social network.

Laboratorio 2

Utilizzo della piattaforma Firstlife per la mappatura partecipata dei luoghi frequentati dai ragazzi e dalle ragazze. Il supporto educativo agli studenti è stato concentrato sul collocarsi e percepirsi all’interno dello spazio urbano, consapevoli del proprio ruolo di cittadini critici e attivi e di utilizzatori di spazi pubblici.

Laboratorio 3

Utilizzo della piattaforma per la mappatura d proposte di luoghi e spazi da parte dei ragazzi e delle ragazze. Prospettive future di spazi dedicati agli/alle adolescenti, per nuove idea di intervento sulla città.

Fase 3

I dati raccolti durante la sperimentazione sono stati analizzati dal gruppo di ricerca del Dipartimento CPS per arrivare ad una sintesi dei risultati. Il 9 marzo, durante il convegno organizzato dal Piano Adolescenti, sono stati restituiti i risultati di questo percorso di formazione, ricerca e sviluppo.

RISULTATI


Il progetto TeenCarTo è stato un’importante sperimentazione per l’avanzamento nello sviluppo di FirstLife sotto diversi aspetti.
Il primo step è stato la preparazione di una verticalizzazione di FirstLife, ovvero una versione della piattaforma con impostazioni ad hoc per TeenCarTO, definite in collaborazione tra il Dipartimento di Informatica e il Dipartimento Culture Politiche e Società dell’Università di Torino.
Una scelta caratterizzante è stata quella di riservare la piattaforma esclusivamente agli adolescenti coinvolti nel progetto, per creare uno spazio virtuale protetto e di confronto effettivo tra coetanei che condividono la stessa scuola, vivono esperienze comuni a scala locale e hanno seguito lo stesso percorso formativo di avvio all’uso consapevole dello strumento.
Lo stile della cartografia di base visualizzata come interfaccia principale è stato scelto in modo tale da garantire la massima riconoscibilità degli elementi urbani, dalle strade alle maggiori aree verdi, dai principali monumenti ai servizi di rilevanza cittadina.
Le categorie dei luoghi sono state stabilite in modo da facilitare la classificazione dei punti di interesse sul territorio da parte degli adolescenti, scegliendo con particolare attenzione la definizione delle singole voci della legenda. Alle categorie riferite ai luoghi esistenti, come i luoghi di ritrovo o i negozi, è stata aggiunta una categoria proiettata verso la progettualità: “Io immagino”.
Il sistema di valutazione associato ai luoghi è stato sviluppato come un insieme di ulteriori due classi di categorie in cui l’utente sceglie un’opzione contestualmente all’operazione di creazione del punto sulla mappa comune. La valutazione dei luoghi corrisponde all’attribuire a ciascuno di essi il ruolo di risorsa o criticità per la città, mentre la percezione del trend in atto è stata formalizzata come scelta tra indicare che il luogo ha subito una trasformazione positiva, negativa o nessuna variazione.
L’obiettivo di costruire una mappa della conoscenza territoriale degli adolescenti ha permesso di utilizzare in modo intensivo la piattaforma per l’inserimento di informazioni georeferenziate. In questo progetto il focus sono stati i luoghi, la loro descrizione dal punto di vista degli studenti e la valutazione delle trasformazioni in atto dal loro punto di vista.
Nei laboratori condotti tra ottobre e gennaio nelle scuole di Torino, sono stati raccolti 2473 punti da 620 utenti e questi numeri fanno sì che il Progetto TeenCarTO possa essere considerato un’importante iniziativa di community mapping a livello nazionale.
Questo tipo di sperimentazione, avviata nelle fasi inziali di sviluppo di FirstLife, ha permesso di evidenziare come l’operazione di mappatura dei luoghi vissuti dagli adolescenti comporti sfide notevoli nella produzione, gestione e visualizzazione delle informazioni anche sulla piattaforma generale.
La prima riguarda la distinzione tra l’identificazione di un luogo nello spazio, la mappatura in senso stretto, e la produzione di una descrizione che restituisca gli elementi rilevanti del luogo e il suo significato in termini di esperienza condivisa. Alla difficoltà di interazione con una mappa e con uno strumento web basato su contenuti georeferenziati, si è sommata la difficoltà di elaborare le motivazioni della scelta di un luogo. La constatazione di questi fenomeni, ci ha portato a ripensare la produzione dei contenuti scollegando l’operazione di mappatura dalla descrizione dei luoghi. Infatti, in tal modo si riescono a valorizzare i contributi degli utenti che hanno una conoscenza diretta e approfondita dei luoghi o che vogliono condividere la loro esperienza e il loro punto di vista, e si riduce il carico di lavoro per gli utenti interessati a contribuire solo tramite l’inserimento di un nuovo punto di interesse.
La seconda sfida individuata grazie a TeenCarTO è stata la necessità di armonizzare contenuti diversi prodotti da utenti distinti ma associati allo stesso luogo, senza replicare il punto sulla mappa. Infatti, molti studenti coinvolti nel progetto hanno indicato gli stessi punti di interesse e ognuno di loro ha aggiunto un marker sulla mappa per poter esprimere il proprio punto di vista, replicando di fatto lo stesso luogo molte volte. Tale criticità è stata risolta successivamente implementando un sistema di descrizioni multiple associate allo stesso punto di interesse. In tal modo, la piattaforma consente di superare l’approccio wiki nella narrazione dei luoghi, valorizzando i vari punti di vista e i contributi legati alle esperienze degli utenti, piuttosto che andare a considerare solo gli elementi generici o largamente condivisibili. Questo passo avanti è stato determinante nel percorso di creazione di uno spazio virtuale sempre più aderente allo spazio reale in linea con gli obiettivi principali di FirstLife.
Per quanto riguarda la visualizzazione delle informazioni, la presenza di diversi tipi di categorizzazioni ha stimolato la ricerca di nuove soluzioni per la creazione automatica di mappe tematiche che prendono in considerazione una o più voci della legenda. Inoltre, analizzando l’esperienza utente degli studenti, sono stati perfezionati i meccanismi di filtro delle informazioni associate alla dimensione geografica di interesse e la visualizzazione dei dati aggregati in forma di cluster distribuiti sulla mappa, con una variazione delle aggregazioni di dati a seconda del livello di zoom.
L’esperienza degli studenti coinvolti in TeenCarTO è stata essenziale nello sviluppo di una piattaforma cittadina in grado di dare una rappresentazione multi prospettica della città e, in prospettiva, supportare i processi collaborativi di trasformazione della città stessa.